PISUS: parte ufficialmente il progetto Maniago.

Come abbiamo avuto modo di affermare più volte la nostra Amministrazione ritiene che il PISUS sia una grande occasione di sviluppo per la nostra comunità.

Gli uffici comunali in questo ultimo anno hanno seguito passo passo con gli uffici regionali, l’evoluzione delle pratiche di finanziamento che ci riguardano, nonché tutti gli aspetti tecnici e procedurali.

Una importante novità di questi giorni è rappresentata dal fatto che abbiamo ricevuto la prima vera comunicazione ufficiale da parte della Regione sull’ottenimento del finanziamento, con la richiesta di confermare l’intenzione di procedere all’attuazione del Pisus: con la raccomandata della Direzione centrale attività produttive inviata in data 31 ottobre 2014, il Servizio pianificazione e programmazione strategica informa il Comune di Maniago che è stato concesso il contributo di 5.924.145,34 euro.

La nostra Amministrazione, con la indispensabile collaborazione e coinvolgimento di più professionalità interne al comune e dopo attenta analisi dei costi/benefici che tale progetto svilupperà, si è presa la responsabilità di accettare il finanziamento e di conseguenza di avviare in tutta la sua complessità, l’iter procedurale (la Giunta ha deliberato in merito il 6 novembre 2014).

Tanta è la convinzione di questa Amministrazione del voler portare a casa il Progetto che nel bilancio 2014, si è presa il primo impegno con i cittadini, inserendo a bilancio la quota di 338.400, che era vincolante per poter accedere al finanziamento in caso di conferma della Regione entro il 2014: così è stato.

Tale somma è stato possibile reperirla attraverso l’incremento di una percentuale consistente sulla TASI (quasi 1 punto), scelta sofferta per l’Amministrazione ma adottata nella convinzione che tale progetto può essere solo ed esclusivamente a beneficio e sviluppo della comunità e del territorio di Maniago.

La “pratica” PISUS si è aperta nel giugno del 2011 con la pubblicazione del bando; nel dicembre dello stesso anno, il Comune di Maniago ha presentato i progetti con la domanda di finanziamento e nel maggio del 2013 è stata pubblicata la graduatoria provvisoria dei progetti ammessi.

Quinta in graduatoria dopo Tarvisio, Trieste, Pordenone e Gorizia, Maniago è stata ammessa con un finanziamento che prevede un progetto totale di 9.331.826,49 euro ripartiti in tre sezioni: 6.503.176,49 euro per i lavori di riqualificazione e infrastrutturazione urbana (iniziative “A”), 560.000,00 euro per il marketing urbano (iniziative “B”) e 1.200.000 euro per i contributi alle imprese (iniziative “C”), un significativo sostegno alle aziende che potranno presentare progetti per la realizzazione di opere ed altro.

Partner attivi in questo progetto, saranno anche il Comune di Frisanco, Montereale e Vajont.

Il Comune di Maniago cofinanzierà queste opere e iniziative con 2.100.000,00 euro.

A completamento del valore finale, sono da aggiungere 1.068.650,00 euro, contributo dei Partner Portatori di Interesse (parte non compresa dai fondi PAR FSC, ma integrante del progetto).

Questi gli interventi finanziati:

-Riqualificazione e ristrutturazione dell’ Ex-Liceo con area di sosta attrezzata per veicoli elettrici in dotazione all’amministrazione Comunale e apertura del centro servizi per le imprese

-Riqualificazione del Parco Comunale

-Ristrutturazione Favri da convertire in Centro polifunzionale e di aggregazione giovanile

-Ammodernamento tecnologico impianti semaforici

-Superamento delle barriere architettoniche

-Riqualificazione della rete dell’illuminazione pubblica

-Cablatura della fibra ottica

-Ristrutturazione immobile “Conti Maniago” come Centro visite del Castello

-Arredo Urbano tematico

-Percorso naturalistico dei Landris , porta verso il Parco Regionale Dolomiti Friulane

-Centro sociale località Fratta (2°lotto)

-Collegamento ciclopedonale verso Centro storico Maniago

-Collegamento ciclopedonale verso Vajont

-Collegamento ciclopedonale verso Centrale di Malnisio

-Collegamento ciclopedonale verso ZI e area ZPS Magredi

-Riqualificazione area Duomo

-Mantenimento e rafforzamento delle Piccole e Medie Imprese e la valorizzazione del commercio e dell’artigianato tipico locale

-Piano d’arredo Urbano

-Iniziative e strutture finalizzate al turismo